DOPPIA FINZIONE Nato da un laboratorio con gli allievi del Teatro Primostudio, la pièce vede per protagonisti una attrice e due attori, che interpretano un triangolo amoroso tra proletari immigrati nella Milano degli anni sessanta. Nel corso degli anni finiscono col cadere nelle stesse situazioni della finzione in un gioco di passioni, segreti, bugie, silenzi, contrario e speculare in cui due mondi completamente diversi si confrontano e si perdono nelle identiche eterne trappole sentimentali.

Rocco D’Onghia

Esordisce nel ‘90 al Teatro Verdi di Milano con E all’alba mangiammo il maiale; seguono: Lezioni di cucina di un frequentatore di cessi pubblici (Festival di Asti ’92 due edizioni); Tango Americano, di cui vengono realizzate tre edizioni, l’ultima del ‘99, con Teatridithalia; FlyButterfly (Teatro del Buratto, 1994), biglietto d’oro Agis; nel 1995 La camera bianca sopra il mercato dei fiori va in scena al Piccolo Teatro di Milano; La cacciatrice di sogni (Teatro Verdi di Milano ‘95/’96), Sorelle nel dolore (Festival delle Gravine ‘98); Breviario di fuga di una pescatrice di rane (Brescia ‘98); Woyzeck o il futuro del male (Festival di Chieri ‘99); La barbieria della gigantessa del maremascio. Ha realizzato una riduzione teatrale de Il maestro e Margherita di Bulgakov prodotta dal Teatro di Castalia (‘99). Alcuni suoi testi sono pubblicati nella collana Ricordi Teatro e in Francia dalle edizioni Le Circè. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: