ATTENZIONE

12 febbraio 2007

Attenzione! Su questo sito troverai articoli aggiornati al 20 gennaio 2007

ArsTuaVitaMea si è trasferita su un nuovo server per poter offrire nuovi e migliori servizi.

All’indirizzo www.arstuavitamea.com potrai trovare tutti i nuovi articoli e molte altre funzionalità come gli appuntamenti, i sondaggi, la NewsLetter dove registrarti per avere tutte le novità sulla tua posta elettronica.

L’agenzia artistica è all’indirizzo www.arstuavitamea.com/agenzia. Qui direttori artistici e organizzatori potranno trovare proposte di spettacoli

 

teatro valdocaPaesaggio con fratello rotto
Teatro Valdoca

Recensione di Anita Miotto

articolo spostato qui

articolo spostato qui

Nevio Gambula Incipit Vita Nova

Sotto il titolo Incipit vita nova, Nevio Gambula propone una performance sfinente per durata e intensità, assemblando in un’unica pièce, e recitandoli uno di seguito all’altro, tre diversi spettacoli.
La performance, che si terrà il 20 gennaio 2007 al Teatro Filippini di Verona, prevede:

· alle ore 20.30 LA LINGUA RECISA, il tragico monologo di Calibano scritto e interpretato da NG;

· alle 21.30 HAMLET EX MACHINA, da Heiner Muller, con Maurizio Zanolli nella parte dell’Orazio-pittore e NG in quella dell’Interprete di Amleto, colonna sonora a cura dell’Orchestra Majakovskij;

· alle 22.20 ERODIADE, un canto crudele con materia verbale e recitazione di NG e musiche di Angelo Petronella.

“Questa serata è la sintesi della mia ricerca stilistica. Una serata in cui l’attore, tramite il gesto estremo dello sfinimento di se stesso, si pone al limite del teatro, tende la canto, al suono dissonante, al piacere dell’afasia, alla poesia. Una serata giocata essenzialmente sulla recitazione, privata però di ogni effetto consolatorio, dunque lontano dai modi praticati abitualmente dagli attori contemporanei; e dove la recente decadenza sociale e culturale è resa con un linguaggio sconnesso, perverso, senza armonia. Una serata eccessiva, debordante, esagerata. Una serata in cui l’attore, abbandonando definitivamente ogni idea di ‘interpretazione’, si mostra per come è veramente, al di là di ogni finzione, al di là di ogni rappresentazione, di ogni catarsi. L’attore allora sparisce e, insieme, rinasce, in un gioco fecondo di torsioni e strappi, come raccogliendo la sfida di Artaud: «rovesciare sulla scena la vita nella sua totalità recuperata»; incipit vita nova, appunto.” Nevio Gambula

20 gennaio 2007 al Teatro Filippini di Verona
Per info: 333-1504045

www.neviogambula.it

ossigeno teatro clandestinoOSSIGENO

15_16 Dicembre 2006 ore 21

Nobodaddy

Ravenna Teatro Rasi
via di Roma 39 _ Ravenna _Italy

Dopo la lettura a Tramedautore, il testo OSSIGENO del pluri-premiato giovane autore russo Ivan Vyrypaev, viene messo in scena dal TeatrinoClandestino con la regia di Pietro Babina.

In scena: Fiorenza Menni e Marco Cavalcoli.

MAGGIORI INFORMAZIONI:

scheda su Teatrino Clandestino

Ossigeno a Tramedautore

prossime repliche:
13 gennaio 07 _ PANICALE (PG) _Teatro Caporali
14th gennaio 07 _ UMBERTIDE (PG) _Teatro dei Riuniti
18 – 31 gennaio 07 _ MILANO _ Teatro dell’Elfo
2 – 4 febbraio 07_ MODENA _ Teatro delle Passioni
1- 2 marzo 07 _VENEZIA _  Dissezioni _ Teatro Fondamente Nuove

15 dicembre 2006 , ore 22, al Teatro San Genesio di Salerno (alle spalle di via Roma)

Véronique Olmi“I sogni dietro la finestra”
liberamente ispirato a “In riva al mare” di Véronique Olmi

di e con Autilia Ranieri

luci scene suoni regia Teresa Di Monaco

Una madre con i suoi figli alla deriva nel mare dell’indifferenza.
Intrappolata nella rete del disegno di morte che lei stessa costruisce e nella quale si rinchiude alzando una barriera tra il suo mondo di solitudine e il mondo degli altri dove é inadeguata non adattata non amata non vista.

Come in un ciclo infinito di dolore la nostra donna ripercorre il viaggio che ha condotto lei stessa ed i suoi due figli sulla strada del non-ritorno,un viaggio senza inizio e senza fine.

L’allestimento è pensato in modo che la protagonista, chiusa in uno spazio/tempo geometrico, subisca continue metamorfosi: dapprima tesse il filo del suo disegno, poi segue il filo da lei tessuto, ed infine resta impigliata nella sua stessa trama.

La vicenda si consuma interamente nello spazio del quotidiano ma trasfigurato anomalo, aperto e soffocante assieme.A tratti la storia viene interrotta e attraversata bruscamente da rumori,oggetti,presenze musiche.

Cosa ha elaborato questa madre negli anni della crescita dei suoi figli?
Un mondo parallelo migliore di quello reale nel quale non può e non vuole più essere da sola ,deve portare con sé i figli le uniche persone che si accorgono di lei, deve salvarli dal mondo che prima o poi li odierà e non si accorgerà di loro…

zekkiniDomenica 3 Dicembre 2006 alle ore 21

Comizio Danzato (Post – contemporaneo) III Puntata,
scritto, diretto e interpretato da Zekkini
con l’ausilio delle “Casalinghe lesbiche di Teramo
introduce il famoso sciamano sufi Yiyit Saner.

Teatro del Navile, in Via Marescalchi 2/b Bologna(angolo Via D’Azeglio, 9 – Piazza Maggiore)

MAGGIORI INFO 

Leggi il seguito di questo post »