ATTENZIONE

12 febbraio 2007

Attenzione! Su questo sito troverai articoli aggiornati al 20 gennaio 2007

ArsTuaVitaMea si è trasferita su un nuovo server per poter offrire nuovi e migliori servizi.

All’indirizzo www.arstuavitamea.com potrai trovare tutti i nuovi articoli e molte altre funzionalità come gli appuntamenti, i sondaggi, la NewsLetter dove registrarti per avere tutte le novità sulla tua posta elettronica.

L’agenzia artistica è all’indirizzo www.arstuavitamea.com/agenzia. Qui direttori artistici e organizzatori potranno trovare proposte di spettacoli

malatheatre ritorna al Mutiny il 18 gennaio 2007 dalle ore 23 con il terzo capitolo di “the seven red roses”

magic swing

MAGIC SWING (introducing Johnny n. 1)

“Les roses rouges” questa volta, appariranno e svaniranno, appariranno e svaniranno in un turbinio di petali e lustrini sotto gli occhi stupefatti degli avventori del Mutiny tra ritmi “saltellanti” di indimenticati swing grazie alla maestria di Monsieur Le Swing, colui che inventò la pratica dello scambio. (Da qui il termine utlizzato dagli anglofoni: “swingers”.)

18 gennaio 2007 dalle ore 23

MUTINY REPUBLIC
via Bellini, 45 Napoli
333/6534273

Nevio Gambula Incipit Vita Nova

Sotto il titolo Incipit vita nova, Nevio Gambula propone una performance sfinente per durata e intensità, assemblando in un’unica pièce, e recitandoli uno di seguito all’altro, tre diversi spettacoli.
La performance, che si terrà il 20 gennaio 2007 al Teatro Filippini di Verona, prevede:

· alle ore 20.30 LA LINGUA RECISA, il tragico monologo di Calibano scritto e interpretato da NG;

· alle 21.30 HAMLET EX MACHINA, da Heiner Muller, con Maurizio Zanolli nella parte dell’Orazio-pittore e NG in quella dell’Interprete di Amleto, colonna sonora a cura dell’Orchestra Majakovskij;

· alle 22.20 ERODIADE, un canto crudele con materia verbale e recitazione di NG e musiche di Angelo Petronella.

“Questa serata è la sintesi della mia ricerca stilistica. Una serata in cui l’attore, tramite il gesto estremo dello sfinimento di se stesso, si pone al limite del teatro, tende la canto, al suono dissonante, al piacere dell’afasia, alla poesia. Una serata giocata essenzialmente sulla recitazione, privata però di ogni effetto consolatorio, dunque lontano dai modi praticati abitualmente dagli attori contemporanei; e dove la recente decadenza sociale e culturale è resa con un linguaggio sconnesso, perverso, senza armonia. Una serata eccessiva, debordante, esagerata. Una serata in cui l’attore, abbandonando definitivamente ogni idea di ‘interpretazione’, si mostra per come è veramente, al di là di ogni finzione, al di là di ogni rappresentazione, di ogni catarsi. L’attore allora sparisce e, insieme, rinasce, in un gioco fecondo di torsioni e strappi, come raccogliendo la sfida di Artaud: «rovesciare sulla scena la vita nella sua totalità recuperata»; incipit vita nova, appunto.” Nevio Gambula

20 gennaio 2007 al Teatro Filippini di Verona
Per info: 333-1504045

www.neviogambula.it

blitz frosinone b
17 e 18 dicembre al teatro Arci di Frosinone

Domenica 17 dicembre
dalle 16 alle 22

Rubbish Rabbit, Tony Clifton Circus
Miranda, Fortebraccio Teatro
Acerbo, Maddai
Istruzioni, Psicopompo Teatro
da Tre pezzi facili (II pezzo), (Premio UBU 2005 miglior proposta testo straniero), Accademia degli artefatti
Spik 1, Immobile paziente
Il soldato ciociaro, Guglielmo Bartoli

alle 20 aperitivo

ore 21 – Ospite d’onore: Alessandro Benvenuti
Me medesimo

Lunedì 18 dicembre
ore 11 – spettacolo per bambini

dalle 18 alle 22

da bugulA (particolare I), Sistemi Dinamici Altamente Instabili
Spik 2, Immobile paziente
da Tre pezzi facili (I pezzo), (Premio UBU 2005 miglior proposta testo straniero), Accademia degli artefatti

da bugulA (particolare II), Sistemi Dinamici Altamente Instabili
Spik 3, Immobile paziente
da bugulA (particolare III), Sistemi Dinamici Altamente Instabili

Rubbish Rabbit, Tony Clifton Circus
Caramelle, Antonio Tagliarini

alle 20 aperitivo

ingresso 5 euro
area06_tree
Teatro dell’Arci
via P.L. da Palestrina,16 – Frosinone
info 06 68134986 – 338 3507227
www.officineculturali.org

Musica anni 50 e 60 con la compagnia di teatro Malatheatre  al Mutiny Republic di Napoli giovedì 7 dicembre 2006.
E’ gradito l’abito in tono con la serata.

malatheatre mambo

MUTINY REPUBLIC
via Bellini, 45 Napoli
333/6534273

www.malatheatre.com  

ossigeno teatro clandestinoOSSIGENO

15_16 Dicembre 2006 ore 21

Nobodaddy

Ravenna Teatro Rasi
via di Roma 39 _ Ravenna _Italy

Dopo la lettura a Tramedautore, il testo OSSIGENO del pluri-premiato giovane autore russo Ivan Vyrypaev, viene messo in scena dal TeatrinoClandestino con la regia di Pietro Babina.

In scena: Fiorenza Menni e Marco Cavalcoli.

MAGGIORI INFORMAZIONI:

scheda su Teatrino Clandestino

Ossigeno a Tramedautore

prossime repliche:
13 gennaio 07 _ PANICALE (PG) _Teatro Caporali
14th gennaio 07 _ UMBERTIDE (PG) _Teatro dei Riuniti
18 – 31 gennaio 07 _ MILANO _ Teatro dell’Elfo
2 – 4 febbraio 07_ MODENA _ Teatro delle Passioni
1- 2 marzo 07 _VENEZIA _  Dissezioni _ Teatro Fondamente Nuove

15 dicembre 2006 , ore 22, al Teatro San Genesio di Salerno (alle spalle di via Roma)

Véronique Olmi“I sogni dietro la finestra”
liberamente ispirato a “In riva al mare” di Véronique Olmi

di e con Autilia Ranieri

luci scene suoni regia Teresa Di Monaco

Una madre con i suoi figli alla deriva nel mare dell’indifferenza.
Intrappolata nella rete del disegno di morte che lei stessa costruisce e nella quale si rinchiude alzando una barriera tra il suo mondo di solitudine e il mondo degli altri dove é inadeguata non adattata non amata non vista.

Come in un ciclo infinito di dolore la nostra donna ripercorre il viaggio che ha condotto lei stessa ed i suoi due figli sulla strada del non-ritorno,un viaggio senza inizio e senza fine.

L’allestimento è pensato in modo che la protagonista, chiusa in uno spazio/tempo geometrico, subisca continue metamorfosi: dapprima tesse il filo del suo disegno, poi segue il filo da lei tessuto, ed infine resta impigliata nella sua stessa trama.

La vicenda si consuma interamente nello spazio del quotidiano ma trasfigurato anomalo, aperto e soffocante assieme.A tratti la storia viene interrotta e attraversata bruscamente da rumori,oggetti,presenze musiche.

Cosa ha elaborato questa madre negli anni della crescita dei suoi figli?
Un mondo parallelo migliore di quello reale nel quale non può e non vuole più essere da sola ,deve portare con sé i figli le uniche persone che si accorgono di lei, deve salvarli dal mondo che prima o poi li odierà e non si accorgerà di loro…

Dal 6 al 17 dicembre al Teatro Mercadante
l’atteso, nuovo spettacolo ideato e diretto da Pippo Delbono

Questo buio feroce
e inoltre il monologo Racconti di giugno: incontro con se stesso

i film Silenzio, Guerra e, in anteprima a Napoli, Grido

pippo delbonoDa mercoledì 6 fino a domenica 17 dicembre il palcoscenico del Teatro Mercadante ospiterà il nuovo, atteso spettacolo ideato e diretto da Pippo Delbono, Questo buio feroce, titolo-omaggio allo scrittore Harold Brodkey, dall’omonima autobiografia dell’autore statunitense morto di aids nel 1996. Dopo Urlo – andato in scena al Teatro Mercadante nel maggio del 2005 – ritorna uno tra i più prestigiosi e acclamati registi della scena contemporanea italiana nel mondo, al quale lo Stabile di Napoli dedica un vero e proprio focus. Undici giorni – dal 6 al 17 dicembre – nel corso dei quali insieme alle rappresentazioni di Questo buio feroce, Pippo Delbono sarà in scena, lunedì 11 e giovedì 14, con il monologo Racconti di giugno: incontro con se stesso. Per il cinema di Pippo Delbono, sempre lunedì 11, il film Silenzio, al quale seguiranno, martedì 12, Guerra, e in anteprima a Napoli, mercoledì 13, in collaborazione con Teatri Uniti, Grido. Venerdì 15, ore 18.00, “incontro” con Pippo Delbono.

Ingresso gratuito alle proiezioni dei film
mercadante teatro stabile di napoli – piazza municipio – 80133 napoli
tel 081.5510336 – 081.5524214 – fax 081.5510339

e.mail info@teatrostabilenapoli.itwww.teatrostabilenapoli.it

zekkiniDomenica 3 Dicembre 2006 alle ore 21

Comizio Danzato (Post – contemporaneo) III Puntata,
scritto, diretto e interpretato da Zekkini
con l’ausilio delle “Casalinghe lesbiche di Teramo
introduce il famoso sciamano sufi Yiyit Saner.

Teatro del Navile, in Via Marescalchi 2/b Bologna(angolo Via D’Azeglio, 9 – Piazza Maggiore)

MAGGIORI INFO 

Leggi il seguito di questo post »

romeo e giulietta nati sotto contraria stellaLA DOLOROSA STORIA DI GIULIETTA E DEL SUO ROMEO, IMPUNEMENTE INTERPRETATA DA COMICI TRSFORMISTI, SPECIALISTI NEL TEATRO DI RICERCA E IN COMPARSATE

da WILLIAM SHAKESPEARE

DRAMMATURGIA E REGIA
LEO MUSCATO
SCENE E COSTUMI
MARIA CARLA RICOTTI

MUSICHE ORIGINALI
DARIO BUCCINO
DISENO LUCI
ALESSANDRO VERAZZI

IN SCENA:
Paolo Bessegato, Ernesto Mahieux, Salvatore Landolina, Ruggero Dondi, Giordano Mancioppi, Dario Buccino, Marco Gobetti

CALENDARIO REPLICHE E ALTRE INFO Leggi il seguito di questo post »

sivlio talamoMERCOLEDì 29 NOVEMBRE – Happy Hour Show
dalle 19 alle 24
ore 21 performance “Il Verme Bianco” performance vocale di
Silvio Talamo
Ci dice, ci sussurra, ci urla una storia fatta di parole, sensi e suoni e canto.

VENERDì 1 DICEMBRE – Venerdì Teatro
Alqantara con Anita Mosca e Omar Suleiman: “Oropalestina”
ore 21
ingresso 3 euro

 Una Palestina semplice, dignitosa, colta e resistente. Due attori guidano lo spettatore in un viaggio dagli anni ‘20 ai giorni d’oggi. L’atmosfera magica e familiare di quando ci si dona storie importanti. Il rito del racconto attraverso la musica, la preparazione del tè,  la proiezione di foto, ’interpretazione di personaggi.La letteratura palestinese: Ghassan Kanafani, Giabra Ibrahim Giabra, Elias Khuri, Mahmud Darwish

LANIFICIO 25
Piazza Enrico de Nicola, 46
(Porta Capuana) Napoli
www.cra.na.it

Leggi il seguito di questo post »

image002darth.gifNATALE AL QUADRATO

Questo dicembre, il Comune di Molinella apre le porte all’arte contemporanea con una serie di eventi domenicali in giro per la città organizzati con la collaborazione della galleria L’Arte di Molinella e l’Associazione Culturale Darth di Bologna. Ogni domenica dalle 14 alle 18 la città si illuminerà di azioni, mostre, performance, laboratori didattici, installazioni e musica.

PRIMO PREMIO DELLA PERFORMANCE DI STRADA
image005moli.gif
NATALE AL QUADRATO vede per la prima volta a Molinella il Premio della Performance di Strada. Durante le quattro domeniche di dicembre le strade si affolleranno di saltimbanchi, teatranti, buskers e performance d’arte e di musica. Il pubblico sarà travolto da una corrida di happening che accompagneranno gli altri eventi della manifestazione. Le performance si terranno dalle ore 14.00 alle ore 18.00; una commissione giudicatrice deciderà quali sono le migliori con l’aiuto del pubblico cittadino, e alla fine delle quattro giornate decreterà il vincitore dei mille euro in palio.

Leggi il seguito di questo post »

samule beckettTEATRO SANCARLUCCIO NAPOLI
29 novembre/ 10 dicembre 2006

feriali ore 21.30 ; domenica ore 18.30

Jolly Roger di Milano in

Finale di Partita di Samuel Beckett

con Paolo Andreoni e Fabio Banfo
regia di Fabio Banfo

nel centenario dalla nascita

Il mondo è finito e l’umanità si è estinta.
Solo due uomini sono sopravvissuti:Hamm, cieco e paralizzato alle gambe, e da sempre abituato ad essere ubbidito, e Clov che, pronto ad ogni suo ordine, tradisce continuamente la sua ansia di libertà.

Una rappresentazione essenziale e crudele della condizione umana.

MAGGIORI INFO

www.teatrosancarluccio.com  

Via S.Pasquale a Chiaia, 49  Napoli
081/405000 – 081426161
________________________________________________

me e me remondi caporossi25 – 26 novembre 2006
Club Teatro
Rem&Cap Proposte
“ Me & Me “
scritto e diretto da
Claudio Remondi e Riccardo Caporossi
con
Claudio Remondi
Riccardo Caporossi
Davide Savignano

_____________________________
“Teatro Bis”
via Salvatore Calenda 96 – Salerno
info: 349 66 71 801

VEDI IL PROGRAMMA
______________________________

Caravaggio al Lanificio 25

24 novembre 2006

Venerdi 24 novembre 2006 (dalle ore 21)

compagnia di teatro MALATHEATRE:

“Caravaggio: la conversione di un cavallo”.
17 tableaux vivants dall’opera di Michelangelo da Caravaggio
conversione di un cavallo

Regia di Ludovica Rambelli

In scena: Mauro Milanese, Dora De Maio, Francesca Lugnano, Adriana del Duca, Francesco de Santis

LANIFICIO 25
Piazza Enrico de Nicola, 46
(Porta Capuana) Napoli
www.cra.na.it

www.malatheatre.com
________________________________________

Giovedì 23 novembre 2006 ore 21.00

orkestarafOrkestaraf Muzique

“BELZY BOOB, THE SPIRIT OF ST.LOUIS E ALTRE CRONACHE MINIME”

Musica d’autore e altre divagazioni

pianoforte – Antimo Magnotta

contrabbasso – Antonio Caddeo

percussioni – Michele Magnotta

sax e flauto – Vittorio de Angelis

voce – Lello Magnotta

Lello Magnotta

maggiori informazioni:
www.timubctu.org

347. 8841490 – 0823. 305857
___________________________

20.000 !!!!!

20 novembre 2006

10mila lire10mila lireNonostante non si parli di “Richard Stallman e dell’immensa visione che quest’uomo ha avuto (nome che farebbe impaurire qualsiasi pilota d’aereo). Nonostante non si sia mai parlato di TV SAT – “High School Musical” su Disney Channel. Nonostante mai ci siamo curati dei nuovi cellulari come il Nokia N73. Nonostante questi termini ci continuino a sembrare astrusi: Driver Ati + XGL + Beryl su Ubuntu Edgy.

Nonostante me, 20.000 persone hanno visitato questo sito.

Léopold Sédar SenghorMercoledì 22 novembre 2006

Omaggio a Léopold Sédar Senghor

Ricorre quest’anno il centenario della nascita di Senghor, il cantore della negritudine, uno dei grandi padri spirituali dell’Africa, scomparso nel 2001 all’età di 95 anni.

ore 15 : atelier di lettura espressive sui poemi di Senghor animato da Jean Lataillade

ore 16 e 30 : proiezione del film “De la Négritude à l’universel”, di As Thiam (1997)

ore 17 : spettacolo musicale con Annamaria Cosentino e gli alunni dell’atelier
“Voyage vertical”

ore 18 : dibattito su Senghor, con Jean Lataillade e Vincenzo Sommella

Istituto Francese di Napoli – via Crispi, 86, 80121 Napoli
http://www.france-napoli.it/

Ingresso libero

Léopold Sédar Senghor

Senghor, nato a Joal in Senegal nel 1906, aderi’ durante il secondo conflitto mondiale alla ‘Francia libera’, contribuendo al rinnovamento della politica coloniale francese. Deputato socialista all’assemblea francese nel 1945 e successivamente segretario di Stato nel Governo Faure, svolse una intensa attivita’ politica nell’ambito dei movimenti nazionalisti dell’Africa francofona. Fu, infatti, tra i protagonisti del Congresso degli scrittori e artisti neri, riuniti per la prima volta a Parigi nel 1956 e poi a Roma nel 1959, con lo scopo di proporre al mondo una visione umanista e profondamente rinnovatrice, dei rapporti tra il Nord e il Sud del pianeta.

Con l’indipendenza dalla Francia nel ’60, Senghor venne eletto primo presidente della Repubblica del Senegal. Amico di Aime’ Cesaire, con lui elaboro’ negli anni ’50 il fondamentale concetto di negritudine, inteso come recupero dell’identita’ africana snaturata dal colonialismo. A questi temi politici e culturali dedico’ la sua ampia produzione poetica in lingua francese, diversi testi teorici e politici, e un’importante Antologia della nuova poesia negra e malgascia in lingua francese

L’Arte incontra la Vita (notturna) 

ragtimeMalatheatre torna al Mutiny con “the seven red roses”. Dopo “Caravaggio: la conversione di un cavallo” questo nuovo lavoro “the seven red roses” è un’opera in musica contemporanea in nove movimenti. Nove appuntamenti con nove performance sui temi dell’amore e la morte, la seduzione e la passione, tra mambi scatenati e toccanti madrigali.

Giovedì 16 novembre 2006 i primi due movimenti:

Movimento n.1 Tango con enfasi
con Adriana del Duca

Movimento n.2 Ragtime con molto brio
con Dora De Maio e Francesca Lugnano

MUTINY REPUBLIC
via Bellini, 45 Napoli
333/6534273

www.malatheatre.com 

LUNEDI’ 13 NOVEMBRE 2006

“S come sacrificio”

Sacrificio di Isacco di Orazio Riminaldi

interviene Remo Bodei

letture teatrali da: Antico Testamento (Genesi); Seneca
con Patrizia Zappa Mulas

sacrificio di isacco riminaldi
Sacrificio di Isacco, olio su tela, 149 x 229 cm

È una delle scene che più hanno coinvolto filosofi, teologi e scrittori intorno alla giustificazione del sacrificio di un figlio. Il racconto biblico di Abramo e Isacco si svolge all’insegna della rassegnazione carica d’angoscia e della fede totale. Con differenze non marginali tra le tre religioni monoteiste: ebraica, cristiana, islamica.
In un paesaggio morale prima che fisico dove l’angelo ferma il braccio di un padre sollevato contro il proprio figlio, sostituito solo all’ultimo con un ariete.
Perché? Quale significato simbolico? Quale monito?

Importante testimonianza della produzione di Orazio Riminaldi, quest’opera fu realizzata per Annibale Mattei nel 1625.
Non vi è compiacimento violento né indulgenza all’orrore, ma una sintesi tra l’esperienza del realismo e del barocco e una tendenza a mettere in risalto gli elementi caravaggeschi con l’atteggiamento del naturalismo tipicamente toscano.

Orazio Riminaldi (Pisa 1593 – 1630)
Orazio Riminaldi, toscano, durante i lunghi soggiorni a Roma apprende gli insegnamenti caravaggeschi da Orazio Gentileschi e dal Manfredi insieme ai modi classici di Reni e Lanfranco, mediando in maniera sapiente e originale le due tendenze. Ma è soprattutto sulle orme di Lanfranco che Riminaldi compie la sua opera maggiore, la cupola del Duomo di Pisa, rimasta incompiuta.
Orazio Riminaldi, toscano, durante i lunghi soggiorni a Roma apprende gli insegnamenti caravaggeschi da Orazio Gentileschi e dal Manfredi insieme ai modi classici di Reni e Lanfranco, mediando in maniera sapiente e originale le due tendenze. Ma è soprattutto sulle orme di Lanfranco che Riminaldi compie la sua opera maggiore, la cupola del Duomo di Pisa, rimasta incompiuta.

MAGGIORI INFO