ATTENZIONE

12 febbraio 2007

Attenzione! Su questo sito troverai articoli aggiornati al 20 gennaio 2007

ArsTuaVitaMea si è trasferita su un nuovo server per poter offrire nuovi e migliori servizi.

All’indirizzo www.arstuavitamea.com potrai trovare tutti i nuovi articoli e molte altre funzionalità come gli appuntamenti, i sondaggi, la NewsLetter dove registrarti per avere tutte le novità sulla tua posta elettronica.

L’agenzia artistica è all’indirizzo www.arstuavitamea.com/agenzia. Qui direttori artistici e organizzatori potranno trovare proposte di spettacoli

Gregor Schneider26.11.2006 è il titolo della mostra che Gregor Schneider presenta a Napoli, alla Fondazione Morra Greco e nella Chiesa S. Gennaro all’Olmo sede della Fondazione Giambattista Vico.

Nel calendario luterano il 26 novembre è il giorno in cui si commemorano i defunti. Infatti, il progetto che l’artista tedesco ha sviluppato durante un suo soggiorno a Napoli è strettamente legato al tema della morte, sentimento che da sempre compenetra l’essenza di questa città, che lo malcela dietro una maschera di allegria e di vitalità.

Gregor Schneider, nato a Rheydt nel 1969, è uno degli artisti più interessanti ed enigmatici dell’ultima generazione. Nucleo centrale della sua ricerca artistica è la ricostruzione e ripresentazione claustrofobica e maniacale dei propri spazi domestici, che progressivamente trasforma attraverso un’instancabile aggiunta di muri, tramezzi, finte finestre e così via.

_____________________________________________

fino al 10 gennaio 2007
Chiesa di S. Gennaro all’Olmo – Fondazione Giambattista Vico
Via S. Gregorio Armeno Napoli

e fino al 28 gennaio 2007
alla Fondazione Morra Greco
Via Anticaglia 17 Napoli

MAGGIORI INFORMAZIONI

Leggi il seguito di questo post »

luchino viscontiVISCONTI E LA FRANCIA
Giovedì 30 novembre AL GRENOBLE

ore 15.00
Apertura della Mostra “Visconti e la Francia”
 In collaborazione con la BIFI della Cinematheque di Parigi

 a seguire:
 Proiezione del film di J. Renoirpartie de campagne
 Une partie de campagne (1936)

 Proiezione del documentario
 Il conte rosso (2006, “La storia siamo noi”)
 di Maite Carpio e Daniele Cini
ore 17.00
 Seminario sul tema “Visconti in Francia”.
Intervengono:
 Danièle Rousselier (direttrice Institute Francaise Grenoble di Napoli),
 Augusto Sainati (Università di Napoli “S. O.Benincasa”),
 Emmanuel Leclercq  (Università di Parigi I)
 Dominique Gendrault (saggista),
 Ugo Vuoso (direttore Fond. La Colombaia di L.Visconti).

20.000 !!!!!

20 novembre 2006

10mila lire10mila lireNonostante non si parli di “Richard Stallman e dell’immensa visione che quest’uomo ha avuto (nome che farebbe impaurire qualsiasi pilota d’aereo). Nonostante non si sia mai parlato di TV SAT – “High School Musical” su Disney Channel. Nonostante mai ci siamo curati dei nuovi cellulari come il Nokia N73. Nonostante questi termini ci continuino a sembrare astrusi: Driver Ati + XGL + Beryl su Ubuntu Edgy.

Nonostante me, 20.000 persone hanno visitato questo sito.

LAPIDARIUM PALAZZO VENEZIALa soprintendenza speciale per il Polo Museale Romano, in collaborazione con il concessionario ufficiale Gebart srl, propone agli appassionati di arte una serie di visite guidate all’interno delle sale di Palazzo Barberini, uno dei piu’ importanti e sontuosi palazzi della nobilta’ romana.

Attraversando le sale del palazzo, gli storici condurranno i visitatori alla scoperta delle opere di grandi artisti come Caravaggio, il Perugino, Raffaello, Andrea del Sarto e Dosso Dossi, che rappresentano al meglio la gloriosa stagione del Rinascimento italiano.

Inoltre, la sezione dedicata alla pittura italiana del Settecento rappresentata da grandi maestri come Canaletto, Corvi, Batoni, Benefial e Conca.

Il ‘Lapidarium’, chiostro quattrocentesco detto anche di San Marco, e’ anche l’occasione per scoprire un luogo rimasto finora sconosciuto ai visitatori di Palazzo Venezia.

Appuntamento sabato 18 novembre 2006 alle ore 11.30.
Informazioni: tel 06.69994319/318 fax 06.69994221
E-mail museopalazzovenezia@tiscali.it

carlo rendano associationNapoli, 6-12 novembre 2006
il gioiello come work in progress

5 giorni per spiare, scoprire, l’arte del gioiello

E’ di scena l’arte del fare. Protagonista è il gioiello. Considerato spesso futile ornamento viene ora reinterpretato come sintesi di artigianato ed arte, prodotto di pensiero e mani sapienti al lavoro. Nel corso dei cinque giorni sarà possibile assistere al processo creativo: quattro artisti e designer di gioielli, lavoreranno per la prima volta sotto gli occhi dei visitatori. Una mostra performance inedita e coinvolgente che vedrà protagoniste gli artisti Roberta Bini, Annika De Haen, Stefania Salvetti, Bruno Villani: otto mani al lavoro con terra, tessuti, plastica, metalli preziosi, pietre ed ogni tipo di materiale, attraverso accostamenti, modifiche e intuizioni, fino a generare pezzi unici, creati apposta per questo inconsueto incontro di artisti del fare. I gioielli creati daranno vita ad un suggestivo allestimento nell’ambito del quale si avrà la possibilità di acquistare ciascuno di questi esemplari unici, talismanici, pensati e prodotti per l’occasione.

Assurto al rango di opera d’arte, il gioiello lega l’uomo alla terra ed ai suoi elementi: l’intervento sui materiali rende il risultato unico e sofisticato ma anche identificativo, il gioiello comunica l’appartenenza, assorbe la personalità e ne riflette l’energia. Lanificio 25 vuole offrire al pubblico la possibilità di partecipare a un così complesso e delicato processo creativo.

Lanificio 25. Piazza E. De Nicola, 46 – Napoli info www.cra.na.it
ingresso libero buvette aperta
Dal 6 al 12 novembre dalle 17.30 alle 22
Domenica 12 novembre dalle 18 mostra dei gioielli realizzati

INFO: LANIFICIO25@CRA.NA.IT

__________________________________________________

Vernissage mercoledì 8 novembre 2006, ore 19

oiseau

L’8 novembre si inaugura la mostra “Serenità” di Charles Maussion (Nantes 1923), a cura di Danièle Rousselier, direttrice dell’Institut Français de Naples, accompagnata da catalogo con testo del grande poeta Yves Bonnefoy. “La cosa affascinante ed insolita in questa mostra (al di là del fare conoscere un artista interessante, ma in Italia poco noto, come Maussion), è l’interazione tra arte e poesia e il fare riflettere sulla casualità del vissuto: una terza dimensione nella quale è inscritta, ma solo come possibilità, il tempo e lo spazio discontinuo dell’esistenza” scrive Mario Franco.
Bernard Bouche, suo gallerista, e Eric Duquesne, suo biografo, saranno presenti al vernissage.

Istituto Francese di Napoli – via Crispi, 86, 80121 Napoli
http://www.france-napoli.it/
dal lunedì al venerdì 10-13/16-19
fino al 19 gennaio 2007
ingresso libero

MAGGIORI INFORMAZIONI Leggi il seguito di questo post »