ATTENZIONE

12 febbraio 2007

Attenzione! Su questo sito troverai articoli aggiornati al 20 gennaio 2007

ArsTuaVitaMea si è trasferita su un nuovo server per poter offrire nuovi e migliori servizi.

All’indirizzo www.arstuavitamea.com potrai trovare tutti i nuovi articoli e molte altre funzionalità come gli appuntamenti, i sondaggi, la NewsLetter dove registrarti per avere tutte le novità sulla tua posta elettronica.

L’agenzia artistica è all’indirizzo www.arstuavitamea.com/agenzia. Qui direttori artistici e organizzatori potranno trovare proposte di spettacoli

Si aprono le votazioni per il Libro dell’anno di Fahrenheit.

Fahrenheit

Per la seconda volta dopo l’anno scorso, che ha visto la vittoria di Ascanio Celestini, Fahrenheit premiera` il libro preferito dagli ascoltatori: venerdi` 2 febbraio alla libreria Feltrinelli di Piazza Colonna- Galleria Alberto Sordi, una cerimonia pubblica alla quale siete tutti invitati, una festa e un’occasione in piu` per parlare di libri in una puntata speciale di Fahrenheit.
Potete scegliere tra i titoli di questo elenco, che raccoglie i vincitori del libro del mese scelti dagli ascoltatori e esposti di volta in volta in tutte le librerie Feltrinelli, e i nostri favoriti, i libri che piu` abbiamo amato tra quelli presentati nel corso del 2006.

Votate scrivendo una mail a fahre@rai.it con il titolo del libro.

Ala Al Aswani, Palazzo Yacoubian, Feltrinelli
Bruno Arpaia, Il passato davanti a noi, Guanda
Simona Baldanzi, Figlia di una vestaglia blu, Fazi
Silvia Ballestra, La seconda Dora, Rizzoli
John Banville, Il mare, Guanda
Remo Bassini, Lo scommettitore, Fernandel
Javier Cercas, La velocita` della luce, Guanda
Gabriele Dadati, Sorvegliato dai fantasmi, Pequod
Amanda Davis, Mi chiedo quando ti manchero` ,Terre di Mezzo
Gasparo De Caro, L’ ascensore per il pincio, Quodlibet
Angelo Ferracuti, Le risorse umane, Feltrinelli
Rina Frank, Ogni casa ha bisogno di un balcone, Cairo
Marco Franzoso, Tu non sai cos’e` l’amor , Marsilio
Maggie Gee, Il diluvio, Edizioni Spartaco
Pietro Grossi, Pugni, Sellerio
Kazuo Ishiguro, Non lasciarmi, Einaudi
Raffaele La Capria, L’ amorosa inchiesta, Mondadori
Cormac Mc Carthy, Non e` un paese per vecchi, Einaudi
Michela Murgia, Il mondo deve sapere, Isbn
Irene Nemirovsky, David Golder, Adelphi
Salvatore Niffoi, La vedova scalza, Adelphi
Ottiero Ottieri, I divini mondani, Guanda
Laura Pariani, Patagonia blues, Effigie
Antonio Pascale, S’e` fatta ora, Minimum Fax
David Peace, GB 84, Tropea
Roberto Saviano, Gomorra, Mondadori
Meir Shalev, La casa delle grandi donne, Frassinelli
Walter Siti, Troppi paradisi, Einaudi
Giordano Tedoldi, Io odio John Updike, Fazi
Hamid Ziarati, Salam, maman, Einaudi

Vai sul sito di Fahrenheit

Usate i commenti di ArsTuaVitaMea per segnalare le vostre preferenze!

articolo spostato qui

08/12/2006 da “il Mattino” Fabrizio Coscia

De Simone «Oggi il genio non è ammesso».
Volume Einaudi

don giovanniL’invidia di Salieri per il genio di Mozart e la lussuria di don Giovanni che sfida il convitato di pietra. I due vizi capitali raccontati dalle ”piccole tragedie” di Aleksandr Puskin – Mozart e Salieri e Il convitato di pietra pubblicati in un unico volume nella collana di teatro Einaudi nella nuova traduzione di Roberto De Simone – hanno trovato voce e ritmi nella performance di Franco Iavarone e Biagio Abenante alla presentazione del libro, all’associazione «Maxim Gorkij»: tra i presenti Luigi Marino, segretario dell’associazione, Aurora Egidio, dell’Orientale, e Armando De Stefano, autore del dipinto in copertina. Rispettivamente nella parte di Salieri e Mozart, i due attori hanno dimostrato la perfetta ”recitabilità” delle due tragedie in versi del poeta russo, come nelle intenzioni dichiarate nella prefazione al volume dallo stesso De Simone, che ha voluto una traduzione rispettosa dell’originale, ma particolarmente attenta alla tecnica degli attori. Del resto, la frequentazione di De Simone con Puskin – come ha spiegato lui stesso – risale a molti anni fa, quando il maestro napoletano entrò in contatto con le fiabe e le ballate popolari del poeta russo, e da allora non si è mai interrotto. «Sono due testi bellissimi che scaturiscono dalla creatività di Puskin nel pieno della sua maturità artistica – afferma De Simone – Il convitato di pietra, edito postumo nel 1839, presenta una sua originalità e autonomia rispetto all’opera di Tirso de Molina, sia in alcune situazioni sia accogliendo nuovi personaggi. Mentre il Mozart e Salieri rappresenta un’acuta analisi del rapporto tra un genio libero, graziato da un respiro divino, e un mediocre, consapevole della sua mediocrità e roso dall’invidia». Ma il rapporto tra genio e mediocrità come si ripropone oggi ? «Oggi assistiamo al trionfo della mediocrità – risponde De Simone – Il genio non è ammesso e un nuovo Mozart oggi non sarebbe nemmeno riconosciuto. Ciò che viene ammesso e compreso rientra esclusivamente nei modelli mediatici, il cui potere domina tutto, perché il vero ed unico obiettivo è di tipo economico. È lo scambio commerciale. Basti considerare qual è lo stato della cultura oggi a Napoli, dove tutto viene riciclato nel consumo dell’ovvio e del populismo». Se dunque il Salieri di Puskin, pur nella sua mediocrità, si riscatta per la sua capacità di riconoscere il genio, di apprezzarlo seppure odiandolo, per De Simone oggi manca perfino ”la mediocrità del riconoscimento”: «Si provi a smantellare tutte le codificazioni elaborate da una cultura di destra o tutte le incrostazioni portate dalla cultura di sinistra: non resta niente in entrambi i casi. La verità è che il potere non può mai riferirsi alla genialità vera, perché questa è sempre destabilizzante».