Romeo&Giulietta: nati sotto contraria stella

27 novembre 2006

romeo e giulietta nati sotto contraria stellaLA DOLOROSA STORIA DI GIULIETTA E DEL SUO ROMEO, IMPUNEMENTE INTERPRETATA DA COMICI TRSFORMISTI, SPECIALISTI NEL TEATRO DI RICERCA E IN COMPARSATE

da WILLIAM SHAKESPEARE

DRAMMATURGIA E REGIA
LEO MUSCATO
SCENE E COSTUMI
MARIA CARLA RICOTTI

MUSICHE ORIGINALI
DARIO BUCCINO
DISENO LUCI
ALESSANDRO VERAZZI

IN SCENA:
Paolo Bessegato, Ernesto Mahieux, Salvatore Landolina, Ruggero Dondi, Giordano Mancioppi, Dario Buccino, Marco Gobetti

CALENDARIO REPLICHE E ALTRE INFO

Nel teatro elisabettiano, quando un drammaturgo metteva mano a un testo, non si poneva l’obiettivo di scrivere un’opera letteraria. Suo compito era quello di fornire gli attori di elementi strutturali e verbali necessari per poter “raccontare” una storia, e far sì che chi l’ascoltava, si sentisse partecipe. Spesso si limitava a trascrivere per la scena, un poema già esistente, il più delle volte, conosciuto anche dal pubblico. Raramente gli autori facevano pubblicare i loro scritti; Shakespeare non lo fece mai. La maggior parte delle sue opere, vennero stampate molti anni dopo essere andate in scena. Erano pubblicazioni che non si basavano su manoscritti dell’autore, ma su semplici ricostruzioni mnemoniche, ad opera di alcuni attori che avevano preso parte alle prime rappresentazioni; o di editori, che vi avevano assistito. Di una stessa opera, potevano essere stampate versioni diverse, ridotte ai suoi momenti memorabili, con molte imprecisioni, ripetizioni o omissioni di frasi intere, confusioni nella designazione della battuta e altro ancora. Quindi le opere di Shakespeare, che noi oggi leggiamo, in realtà, non sono altro che ricostruzioni congetturali di quelle che, il singolo curatore, ritiene siano state le intenzioni dell’autore nello scrivere il testo. Punti cardini di quel teatro elisabettiano erano il Gioco, la Metafora e il Travestimento. Le compagnie erano composte da dieci, dodici attori più qualche avventizio che fungeva da comparsa. Poiché in uno spettacolo potevano esserci anche una quarantina di personaggi, era diffusa la pratica del doubling, che consisteva nell’affidare diverse parti ad uno stesso attore. Questa pratica era stata presa in prestito direttamente dai moralities e dagli interludes del Cinquecento, in cui, opere con quindici, venti personaggi, venivano interpretate da piccoli gruppi girovaghi che non comprendevano mai più di cinque, o sei attori. Ed è proprio da qui che parte il nostro lavoro. I veri protagonisti del nostro spettacolo, non sono i personaggi dell’opera, ma sette vecchi COMICI GIROVAGHI che si presentano al pubblico per interpretare La dolorosa storia di Giulietta e del suo Romeo. Sanno bene che è una storia che già tutti conoscono, ma loro sono intenzionati a raccontarla, osservando il più autentico spirito elisabettiano: sono tutti uomini e ognuno di loro interpreta più personaggi, anche quelli femminili! Il fatto è che di pari passo con le buone intenzioni, vanno le loro effettive capacità (o modalità) di stare in scena. Rivali e complici allo stesso tempo, da un lato si rubano le battute, dall’altro si aiutano come meglio possono. Convinti di essere dei bravi attori, non si rendono conto che, in realtà, quando sono in palcoscenico, non riescono neanche a dissimulare i loro rapporti personali fatti di invidie, ripicche, alleanze, rappacificazioni. A volte, le intenzioni dei personaggi si confondono con le loro, provocando una serie di azioni e reazioni a catena che, in una dimensione meta-teatrale assolutamente involontaria, finiscono per massacrare la storia dell’esimio poeta! Presi singolarmente, sembrano avanzi di teatro; messi insieme, formano una compagnia tragica, involontariamente comica, quindi doppiamente tragica. Ma loro non lo sanno! Forse qualcuno lo immagina, ma preferisce non approfondire. Succede un miracolo però: nonostante tutto, la storia di Romeo e Giulietta vince su ogni cosa. In un modo o nell’altro, questi COMICI, riescono a raccontare la storia dei due giovani amanti; anche se a farlo sono degli uomini che “giovani” non lo sono più da tanto tempo. E in un modo o nell’altro riescono pure a far commuovere! Forse perché dalla loro goffaggine traspare una verità che insinua un forte dubbio: quello che, in questa storia, più di chiunque altro, sono proprio loro quelli… Nati sotto contraria stella.

Novembre
Martedì 28 – Concorezzo (MI) – Teatro San Luigi
Mercoledì 29 – Abbiategrasso (MI) – Cinemateatro Al Corso
Giovedì 30 – Settimo Torinese (TO) – Teatro Garybaldi

Dicembre
Venerdì 1 – San Giovanni Lupatoto (VR) – Teatro Astra
Sabato 9 – Monza – Teatro Binario 7
Domenica 10 – Monza – Teatro Binario 7
Mercoledì 13 – Desenzano (BS) – Teatro Alberti
Giovedì 14 – Edolo (BS) – Cinemateatro San Giovanni Bosco
Venerdì 15 – Soresina (CR) – Teatro Sociale
Sabato 16 – Pomponesco (MN) – Teatro 1900
Domenica 17 – Atri (TE) – Teatro Comunale
Lunedì 18 – Vasto (CH) – Teatro Globo
Martedì 19 – Agnone (IS) – Teatro Italo Argentino

Gennaio
Giovedì 11 – Bologna – Teatro delle Celebrazioni
Venerdì 12 – Bologna – Teatro delle Celebrazioni
Sabato 13 – Bologna – Teatro delle Celebrazioni
Lunedì 15 – Mantova – Teatro Ariston
Martedì 16 – Milano – Teatro Sala Fontana
Mercoledì 17 – Milano – Teatro Sala Fontana
Giovedì 18 – Milano – Teatro Sala Fontana
Venerdì 19 – Milano – Teatro Sala Fontana
Sabato 20 – Milano – Teatro Sala Fontana
Domenica 21 – Milano – Teatro Sala Fontana
Martedì 23 – Milano – Teatro Sala Fontana
Mercoledì 24 – Milano – Teatro Sala Fontana
Giovedì 25 – Milano – Teatro Sala Fontana
Venerdì 26 – Milano – Teatro Sala Fontana
Sabato 27 – Milano – Teatro Sala Fontana
Domenica 28 – Milano – Teatro Sala Fontana
Mercoledì 31 – Orvieto – Teatro Mancinelli

LEART’ – www.leart.it

Annunci

5 Responses to “Romeo&Giulietta: nati sotto contraria stella”

  1. Leticia Says:

    Thankfulness to my father who told me about this web site, this weblog
    is actually amazing.

  2. Marilou Says:

    certainly like your web site but you need to test the spelling on quite
    a few of your posts. Many of them are rife with spelling problems and I to find it very bothersome to
    tell the reality on the other hand I’ll definitely come again again.

  3. Tanya Says:

    I want to express my appreciation to you for bailing me out of this particular

    setting. Right after checking throughout the

    search engines and obtaining

    things which were not beneficial, I figured my life was

    well over. Living devoid of the

    answers to the issues you’ve solved by way of your

    good guideline is a serious case, and the ones that would have negatively

    damaged my career if I had not come across your web blog. The

    expertise and kindness in touching

    everything was helpful. I don’t know what I

    would have done if I had not discovered such a stuff like this.

    I am able to at this moment look forward to my future.
    Thank you so

    much for the specialized and

    amazing help. I won’t hesitate to refer the blog to any person who should receive support

    about this area.


  4. I needed to draft you that very small note so as to thank you over again on the great concepts

    you’ve shared on this page. It’s quite remarkably generous of people like you in

    giving

    extensively what exactly a number of people would have supplied for an ebook to

    generate some bucks on their own, principally given that
    you could have done it if you ever wanted.

    Those guidelines

    likewise acted as a easy way to know that someone else have similar interest
    similar to my very own to find

    out much more in regard to this problem.

    I believe there are some more pleasant periods ahead for people who
    read through your blog.

  5. Tricia Says:

    I simply had to thank you so much again. I am not sure the

    things I could possibly have followed without these tactics contributed by you regarding

    such industry. It has been the difficult

    setting for

    me personally, but coming across a new skilled technique you handled
    the issue

    forced me to leap with

    happiness. Extremely happier for

    the advice and

    in addition believe

    you realize what an amazing job you happen to be doing

    teaching many others with

    the aid of your webpage. I know that you’ve never got to know any of us.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: